LIMETA
   
 
  poesie

 
El ciclista de adesso 

Che mondo strano, che mondo roerso

Gavarea da esser en pel dall’altro verso

 

Envese chel corridore el se adegui all’organisator

Le l’organisator che se adegua al corridor

 

Lu la gara el le farea

La voia la ghe sempre ghe mancarea

 

Ma sel tira su tutto l’ambaradan

El ga paura che non vegna gnaca en can

 

Na olta a corer iera sempre tutti pronti

Solo se grandinaa i se fermava, ma sotto i ponti

 

Ciapar l’acqua l’era normale

E far la gara l’era formale

 

Ovvio che bisogna star pi attenti

Ma gha anca da strucar pi i denti

 

Vuto eder chel ciclista de adesso

Par far manco fadiga el serca na scusa nel compromesso

 

Se ghe masa caldo non va mia ben

Se geh masa vento non va mia ben

Se ghe masa gente non va mia ben

Se ghe masa curve non va mia ben

 

Ma allora elo el tempo che non và

O elo el ciclista che le cambià?

 

El limeta
-----------------------------------

Sommacampagna Sommacampagna…

 

…Quanta fadiga te me fè far

Par star tacà a rua te me fè fadigar

 

Ogni tanto fao en resipro

E digo bon, adesso me ritiro

 

Envese tegno duro

Par veder se vegno pì mauro

 

Ma orco can non caleli mai

Son drio morir me ven da dirghe vai vai

 

Tra un sgurlon de acqua e un sbandamento

En pensier me da en gran tormento

 

Ma ei tutti in forma e tutti forti

Che chi i tira stì rapporti

 

O ela la belessa de stò percorso

Che esalta tutti ancha el pì osso

 

Le vera che la gara le fà i corridori

ma par vinser chì iè dolori

 

Le anca vera che sen amatori

E ormai sen mesi corridori

 

Ma chi el ciclismo la fatto storia

E mal non fà ancora en po’ de gloria

 

E allora mi digo ben vegna gare così

Ovvio no da far proprio tutti i dì

 

Ma chì dal bon se capise

Quanto en bici se patise

 

E quando quei de fora i te dise ma ci te la fatto far

Sa uto risponder se non, va ià che me ven da dragar

 

Sommacampagna, Sommacampagna …

 

El limeta

 

Valpolicella

 

El to nome de origine l’era Valpolesela

I signoroti che passava i disea madona che bela

 

Allora i ciamava i so architetti

Par farse la casa e i so vigneti

 

E li con la gente del posto i fasea el bon vin

E con che cura ghe andava drio l’esperto contadin

 

Ma no solo par compiaser al so paron

Ma anca par meritarse en bel sgurlon

 

El le vardava el le amirava

El le nasava el le girava

 

Alle bevea sentà so nel bel prà

Col codeghin el leso e en po’ de pearà

 

Tirandose su el capel de paia

Strusandose le mane nella so maia

 

El vardava la so Valpolesela

E el disea madona che bela

 

E ariven ai giorni nostri

Che i sfalta e i desfa come dei mostri

 

I costruise le case sensa ritegno

E dopo i ven a dirte che ghe vol contegno

 

Pensar a na olta che l’era na mota pi dura

 Ostrega i fasea le robe con tanta pi cura

 

Con tutta sta moderna tecnologia

A pensar al pasato ven nostalgia

 

Par sviar ia penso alla Valpolesela

E me ven sempre da dir madona che bela

 

El limeta



 

Lè ora

 
Ecco che le sa ora de garegiar
Anca a Verona le sa ora de pedalar
 
Le tanta la voia de fadigar
E si che el sangue te ghe da spuar
 
Ma seto che pesantessa nel respirar
E che gioia alla fine riusir ad arrivar
 
E anca stano ghe sempre el limeta
Chel se taca ad ogni maieta
 
Ma dai che el se taca solo par schersar
No par scoretesa ma par ciacolar
 
E el criterium le sempre presente
Che par fin bertolini le un novo pretendente
 
En soma alla fine ghe sen par forsa de cose
E cerchen de far par tir ben ste robe
 
L’importane le che se goden
E alla meno peso che se embriagen…
 
Parchè el belo della bici
Le che se fen tanti amici
 
E anca se ghe el pi forte e ghe el pi straso
Quando se ven so de bici non conta en …. (niente)
 
14/02/2011


El velocista
 
Che belle che iè le longhe volate
Non te pol rilassarte che ialtri i te batte
 
Fin all’ultimo metro te si li con el col tirà
Par dopo dir el ma batuo che tà cà gà
 
Ma ci ei i atori protagonisti
Iè proprio lori i velocisti
 
Che gente strana che gente mata
Non i capise pi gnente quando ghe na volata
 
I fa tuta la gara a ronchesar
Ogni tanto i scata par farsela pasar
 
E se par sbaglio i va en fuga
Ialtri i tira fin che nol se suga
 
Ma se i riva in grupo compato
Le meio che se sposti ci è patato
 
Che lori i pasa anca sensa frenar
An do ti te par che i sia drio ris-ciar
 
Ocio te senti te vedi spalè
Se en curva te freni te senti alè
 
Se uno en bici el ga un po’ de chè
Le meio chel freni el non pensì parchè
 
Se ti te te posti a uno de lori
Te noti che non ghe ven mia el cori cori
 
Le gente un po mata le fata così
Ma nel grupo ghe vol anca chei lì
 
Ma iè tanto semi quanto boni
Basta che non i ghe rompa i …… (cerchioni)
 
El limeta

faggy
 
Pubblicitá
 
ULTIMISSIME
 
MERCOLEDI' 4 LUGLIO
80 MIGLIA INDUSTRIAPOLIS
4à TAPPA VERONA CYCLING CUP
TROFEO PALUANI LIFE
ORE 18.20 FASCIA 2
GENT-SUPER- DONNE
55 KM (35 MIGLIA)
ORE 19.45 FASCIA 1
CAD/JUN - SENIOR - VETERANI
70 KM (55 MIGLIA)
VERONA CYCLING CUP
 
guarda le news su facebook
stefano limeta fasoli
GF ZEN AIR
 
tutte le news della 4° gran fondo valpolicella zen air
nella cartella GRAN FONDO ZEN AIR
BALDO BIKE EVENT
 
www.baldobikeevent.com
IL NUOVO STREPITOSO SITO DELL'EVENTO (PER MTB) DELL'ANNO...ANDATE A VEDERLO...
 
ci varda iè en 1 visitatori (23 hits) che da fogo
=> Vuoi anche tu una pagina web gratis? Clicca qui! <=
LIMETA